Bollettino 34/Title></header> <BODY BACKGROUND="../fond2.gif" BGCOLOR="#479D23" TEXT="#000000" LINK="#000080" VLINK="#800080" ALINK="#FF0000"> <FONT COLOR="#009900"></FONT> <table width="1000" height="100%" align=center bgcolor='white' border="0" cellspacing=0 cellpadding=0> <tr> <td valign=top> <table width="90%" height="100%" align="center" bgcolor='white' border="0" cellspacing=0 cellpadding=0> <tr> <td valign=top><BR><BR> <DIV ALIGN=center><FONT COLOR="#5B5262"><I><B><H1> CLUB DI CONVERSAZIONE <BR><BR> ITALIANA DI TOURNAI </H1></B></I></FONT> <BR><BR> <IMG SRC="Perugia Fontana Maggiore.jpg" BORDER=0 WIDTH=397 HEIGHT=256> <BR><BR> <I><B><FONT COLOR="#5B5262">Perugia : la Fontana Maggiore</FONT><BR>sulla Piazza Grande (ora Piazza IV Novembre).<BR>Dell'Umbria, Guido Piovene (1957) ha affermato:<BR>"In nessuna altra parte d'Italia esiste una corona di città belle,<BR>così prossime l'una all'altra: Perugia, Assisi, Gubbio, Orvieto, Spoleto<BR>e poi Narni, Spello, Trevi, Foligno, Montefalco, Città dì Castello;<BR>nomino da sola Norcia, perché si tende troppo spesso a dimenticarla;<BR>più una città industriale, Terni". </B></I> <BR><BR><BR><BR> <FONT COLOR="#5B5262"><FONT SIZE=5><B>Aprile 1996 - N° 34</B></DIV></FONT></FONT> <p style="text-align: justify;"> <BR><BR><BR> <FONT COLOR="#5B5262"><FONT SIZE=4><B>PERUGIA </B></FONT></FONT> <BR><BR><BR> In Perugia si respirano davvero la grazia, la gentilezza ed una specie di dolcezza morale come sciolta nell'aria. Perugia è in vetta a una collina, tra una raggiera di vallette e di dossi scendenti al piano: l'aria tra le sue strade è tonica, quasi aria di montagna e da felicità fisica...<BR> Perugia e la maggiore città dell'Umbria e ne è anche il prototipo. La sua via principale, Corso Vannucci, si stende tra la bellissima piazza, in mezzo alla quale sorge la Fontana Maggiore, con le sue splendide sculture, e una terrazza che domina una vasta parte dell'Umbria...<BR> A uno dei capi, oltre la Fontana Maggiore, sono: la cattedrale gotica con accanto la loggia quattrocentesca di Braccio Fortebraccio, ed il Palazzo comunale, dalle grandi trifore, che porta il grifo ed il leone d'una pietra tra il rosso e il rosa, forse il più insigne monumento di Perugia.<BR> Dall'altro capo si spalanca la terrazza, dove passeggia il popolo, specie nell'ora del tramonto, sovrastando lo spazio in cui si disegnano alture che scendono verso il piano, macchie di città lontane, Foligno, Assisi, Nocera, Gualdo, e in fondo monti sfumati... <BR><BR> <B>Guido Piovene</B> (da "Viaggio in Italia" - 1957) <BR><BR><BR><BR> <TABLE bordercolor="RED" border="2" cellspacing="1" cellpadding="0"><TR><TD> <FONT color="RED"><DIV STYLE="text-align:justify;"><FONT SIZE=4><FONT FACE="Comic Sans MS">Usiamo abitualmente di più<B> la mano destra o la mana sinistra</B> , la gamba destra o quella sinistra? Che cosa implica essere <B>mancino</B>? Questo il tema della conversazione della riunione del <B>3 aprile 1996</B>. </FONT></FONT></DIV> </FONT> </TD></TR></TABLE> <BR><BR><BR> <FONT COLOR="#5B5262"><FONT SIZE=5><B>La volta scorsa</B></FONT></FONT> <BR><BR><BR> "<B><I>Internet</I></B>", La madre di tutte le reti informatiche, è stato l'argomento presentato e sviluppato con passione dall'"esperto" in materia, <B>Etienne Leruste</B>. Preparato con cura, addirittura per iscritto, l'esposto si è rivelato essere un ottima introduzione a questo "nuovissimo" modo di comunicazione. Poiché l'argomento è "portante", è sembrato interessante allegare a questo bollettino una copia. dell'intervento di Etienne, pensando anche a coloro che non hanno potuto assistere alla riunione. <BR><BR> Tra le persone presenti la volta scorsa vi è da segnalare la signorina <B>Anna Lisa Zenoni</B>, accompagnata dal fidanzato. Di origine italiana, e proveniente da Péruwelz, essa ha espresso il desiderio di far parte del nostro circolo. Porgiamo il benvenuto a lei e al suo promesso sposo (il quale forse sarà stimolato a studiare la lingua di Manzoni?). <BR><BR> Infine, per festeggiare il suo sessantesimo compleanno (no, non è una indiscrezione), <B>Marisa Grégoire</B> ha offerto una bevuta a tutti quanti. I tuoi anni li porti bene Marisa. Continua così a lungo. <BR><BR><BR> </td></tr></table> </td></tr></table> </BODY> </HTML>