Bollettino 6


CLUB DI CONVERSAZIONE

ITALIANA DI TOURNAI





"Il lupo e la volpe"
Illustrazione tratta da un'edizione
delle Favole di Esopo del 1491




Marzo 1993 - N° 6




I MORALISTI


Si legge nelle favole d'Esopo

che il lupo con la volpe in compagnia,

vedendo il gatto che mangiava un topo,

diceva: "Che crudelta! Che codardia!"

Ma il signor lupo, alcuni istanti dopo,

scorse un agnello, e se lo portò via,

mentre la volpe, con lo stesso scopo,

rubò tre polli in una fattoria.

Li vide un ragno. e disse: "Ah, scellerati

che ha fare i moralisti siete buoni.

eccovi all'occasion tutti mutati!"

Ma frattanto adocchiò due bei mosconi,

che nella tela s'erano impigliati,

e li mangiò senz'altre riflessioni.


(C. Calleri)




La riunione del 3 marzo 1993 avrà come tema di conversazione la cosidetta "Onorata Societa" e cioè la mafia. Un'intervista televisiva di Tommaso Buscetta, mafioso pentito, servirà di introduzione al dibattito.



La volta scorsa


Malgrado le pessime condizioni climatiche (calata della nebbia), il club si e riunito il 3 febbraio. Nel corso dell'incontro, lo scrittore Michel Franceus ha fatto condividere alla sparuta decina di presenti la sua interessante "esperienza italiana" in letteratura.
Dopo aver presentato alcuni autori italiani a cui si sente piu vicino nonché scrittori francesi nelle cui opere l'Italia e la sua mitologia occupano un posto centrale, Michel Franceus ha parlato delle proprie opere (tre romanzi pubblicati).
Dopo essersi prollungato sul suo primo romanzo di tema "italiano" (purtroppo non ancora pubblicato), egli ha divulgato il suo progetto di cominciare un nuovo romanzo in cui Roma avrebbe un posto importante.
Il suo bellissimo intervento, eseguito in un perfetto e limpido italiano, è servito a far conoscere meglio uno scrittore amico dell'Italia e della cultura italiana e a dare un prestigioso esempio ai membri del club di conversazione italiana di Tournai.