Bollettino 78


CLUB DI CONVERSAZIONE

ITALIANA DI TOURNAI





Attenzione : arrivano gli Sturmtruppen !



Febbraio 2001 - N° 78



STURMTRUPPEN : ACHTUNG !

" Se per ogni arte vi è un museo e vi sono sale per ammirare i capolavori della pittura, ecco che per il fumetto vi sarebbe sicuramente una sala a parte, distante, forse buia, dove i dettagli delle opere devono essere gustati osservati capiti, letti con varie chiavi di interpretazione, chiuse a persone prive di spirito, umorismo, intelligenza, e sicuramente questa sarebbe la sala dedicata a BONVI e alle sue STURMTRUPPEN.

Strumptruppen dunque, tipiken (Ops...scusate)... tipiche identificazioni dei soldati tedeschi, che in tutto il mondo hanno spopolato per più di un trentennio. (…)

Bonvi è un professionista, serio, coscienzioso, che dopo aver partecipato e vinto ad un concorso indetto dal quotidiano "Paese Sera" nel 1968, ottiene la possibilità di pubblicare una striscia giornaliera.

    

E giornaliere le sue striscie sono rimaste; e soprattutto, come tali, una delle pochissime creazioni monumentali del fumetto italiano. Ciò benchè i protagonisti fossero inermi e sempliciotti soldatini tedeschi , appartenenti ad un esercito tanto velleitariamente usurpatore quanto pateticamente conscio di un imminente disfatta. Ma nel corso del tempo sono confluiti nella saga gli elementi più eterogenei, dai fantasmi ai mostri orrorifici e notturni, dalle allucinazioni erotiche alle sottili allusioni macabre e alla realtà attuale.

Le Sturmtruppen sono state e sono tutt'ora, uno dei pochissimi fumetti di produzione italiana a circolare in una ampissima area internazionale: addirittura Giappone, undici sono i paesi contati, otto le lingue in cui è tradotto, e l'edizione olandese viene venduta anche in Suriname. Una altra inconfondibile caratteristica inconfondibile di Bonvi è l'uso del retino. (…) Sicuramente è questo un tratto caratteristico dello stile Bonvi e delle sue Sturm.

In effetti, è una specie di parola magica quando si parla della produzione di Bonvi, infatti egli conferisce al suo tratto semplice lineare e pulito tipico dei fumettisti umoristici tramite i retini una più o meno consistente corposità, ricorrendo ad ombreggiature e profondità di campo".

Riduzione da Werty 1997





    
"Nato a Parma il 31 marzo 1941, FRANCO BONVICINI, più noto con lo pseudonimo di BONVI, lavora per un certo periodo nello staff di uno studio di disegni animati ed esordisce nel mondo dei fumetti con STURMTRUPPEN, la prima e a lungo la più popolare striscia all'americana realizzata in Italia. Pubblicata dapprima sul quotidiano "Paese Sera" e poi un po' dappertutto, sia in Italia che all'estero, questa serie è in seguito stata affiancata da altri personaggi: dal cattivissimo e sfortunatissimo Cattivik all'ironico Nick Carter, dalle Storie dello spazio profondo alle Cronache del dopobomba, che presentano una drammatica visione di quello che resterà del nostro mondo dopo l'olocausto atomico. Muore tragicamente a Bologna il 10 dicembre 1995."

Fonte : riduzione da http://www.fumetti.org

"Arrivano chiaramente e meritatamente i premi e i riconoscimenti, il " Yellow Kid " uno dei premi fumettistici più ambiti nel mondo, il prestigioso " Prix international de la bande dessinée " conferitogli a Parigi, il " Prix Saint Michel " a Bruxelles, quello del salone internazionale dei "Comics" di Lucca, e la mostra bolognese dell' " A.N.A.F. ". (…)

Poi d'incanto la candidatura come consigliere di Bologna e la successiva elezione nell'85, avventura finita ben presto nel 1987, dopo come definiva lui anni di noia e di inattività, si dimise accusando il consiglio di scarsa efficienza. Ed era ciò che distingueva il nostro Bonvi, questa sua duplicità, il pacato uomo autore di fumetti alcuni dei quali distinti dalla propria apoliticità e il semirivoluzionario che incita, durante gli anni di piombo, i ragazzi in rivolta quasi armata per le vie di Bologna da una radio libera; il suo girare in tandem insieme ad un candidato di un partito opposto per le vie di Bologna prima delle elezioni.
    

Fa parte ormai della leggenda del fumetto, ed è stato membro di innumerevoli comitati e giurie internazionali. Leggenda che neanche un' auto impazzita ha potuto spezzare, quell' auto che lo ha investito nella sua città adottiva Bologna, mentre si stava recando negli studi televisivi al Roxy Bar, forse con nuove idee e con nuovi personaggi. (riduzione da Werty 1997)

" Tra i meriti storici di BONVI, sono da segnalare "l'invenzione" del formato orizzontale (oggi presente con Lupo Alberto & C.), e l'uso regolare dei retini nel disegno (anche se lui stesso non si considerava un buon disegnatore). (…) Al Quarto Salone di Lucca, nel 1968, vince un concorso indetto dal quotidiano " Paese Sera " con quello che diventerà il suo cavallo di battaglia, Sturmtruppen, probabilmente la più popolare striscia all'americana realizzata in italia. E' nuova l'ambientazione, l'esercito tedesco ormai sull'orlo della disfatta, gustose le invenzioni linguistiche, inconsueto lo stile grafico, basato sui retini. Dalla serie vengono tratti anche due film, parecchi cortometraggi animati e una notevole quantità di oggetti di merchandising. " (da una scheda di Giammatteo Roberto e Fabrizio Gallerani)


La nostra consueta riunione mensile si svolgerà eccezionalmente il 14 febbraio 2001. Il tema dell'amore ne costituirà l'argomento. Che cos'è l'amore, che cosa rappresenta per ciascuno di noi ? E' il grande abbaglio della Natura, una pura convezione sociale o qualcosa che ci implica di più ?
Nel corso dell'incontro verrà comunicato il programma in linea di massima della gita a Parigi del 19-20 maggio prossimo.


La volta scorsa

La riunione ha cominciato con la presentazione del progetto di viaggio a Parigi del 19 e 20 maggio prossimo. Il comitato ha fornito le informazioni già a sua disposizione. La seconda parte dell'incontro ha permesso di scoprire, off line, il sito internet del nostro club di conversazione, realizzato dal nostro Presidente Dominique Dogot e da suo figlio Gaëtan. A loro vanno il nostro ringraziamento e i nostri complimenti per l'opportunità che ci offrono di far conoscere mondialmente il nostro club.
Nel corso della riunione abbiamo mangiato la tradizionale torta dell'Epifania e hanno avuto il piacere di essere " designati dalla fava " re e regina dell'anno : Arcangelo e Enza nonché Jean Luxen e Françoise Roels. Infatti all'epoca del clonaggio non si poteva fare a meno di designare due re e due regine ! Grazie Dario per le torte che ci hai regalato !
Benvenuti tra di noi, si sono giunti quella sera alla nostra allegra brigata : Stéphane Nottebaert e Irène Bourdon-Moulin.


Gita a Parigi del 19-20 maggio 2001

La gita a Parigi si sta preparando. Il comitato si sta dando da fare per riunire tutte le informazioni disponibili per la riuscita di questo viaggio. Si andrà a Parigi in TGV. Per chi aderisce al progetto è importante manifestare la propria adesione al più presto e cioè già dalla riunione di febbraio per facilitare le prenotazioni (treno, albergo, spettacolo, ristorante…).