Bollettino 9


CLUB DI CONVERSAZIONE

ITALIANA DI TOURNAI





Michelangelo - Tomba di Giuliano de' Medici,
La Notte
Firenze, San Lorenzo,
Cappelle dei Medici, 1520-34




Giugno 1993 - N° 9




Per esaltare la statua di Michelangelo BUONARROTI (1415-1564) raffigurante allegoricamente "la notte", i l poeta G.B. STROZZI compose questa quartina. La statua fa, parte delle tombe Medicee che si trovano nella Sagrestia di San Lorenzo a Firenze.


La Notte, che tu vedi in sì dolci atti

Dormir, fu da un Angelo scolpita

In questo sasso, e perchè (1) dorme, ha vita.

Destala, se nol credi, e parleratti (2).



(1) Perchè = benchè;
2) Parleratti = ti parlerà.



Rispose Michelangelo allo Strozzi con questo breve epigramma, riferito alla stessa statua. Ma questa volta e "la notte" che parla. Michelangelo esprime un tragico commento alle condizioni dell'Italia nel Cinquecento, allorché il paese era diventato campo di battaglia fra opposti eserciti stranieri.


Caro m'è il sonno e più l'esser di sasso,

Mentre che 'l danno e la vergogna dura.

Non veder, non sentir m'è gran ventura (1);

Però (2) non mi destar, deh! parla basso.



(1) Ventura = fortuna;
(2) Però = perciò.





La riunione del 2 giugno 1993 avrà come tema di conversazione il nostro club. Potremo in tal modo fare il punto delle nostre attività al termine di questo primo ciclo annuo. Momento opportuno per esprimere critiche, proposte e suggerimenti.



La volta scorsa


La riunione del 5 maggio, come le precedenti d'altronde, ha offerto a tutti i presenti un gradevole momento di svago. Nel corso dell'incontro si è parlato di progetti per le prossime vacanze: la conversazione si è poi centrata sul difficile e sentito problema del parcheggio delle automobili nelle città. Vasto problema. Parecchie opinioni. Storie di soldi e di multe.